Come creare una mail PEC

Che cosa è la PEC?

Per PEC si intende Posta Elettronica Certificata a valore legale, si tratta di una casella email dedicata ad aziende e persone fisiche, che punta a sostituire le ‘vecchie’ raccomandate con ricevuta di ritorno.

Inviando una mail di tipo PEC infatti si ha la certezza, tramite specifiche conferme ricevute via email, che il proprio messaggio sia stato inviato e successivamente ricevuto dal destinatario. È proprio questa certezza relativa all’invio ed alla ricezione del messaggio, che rende la PEC una mail speciale. Ricordiamo infatti che questa non è mai garantita in caso di utilizzo di email normali.

Chi è obbligato ad avere una casella PEC?

Sono obbligate a possedere una casella PEC principalmente le imprese, in forma societaria, associazioni, liberi professionisti e ditte individuali, oltre che ad essere obbligate a verificarne periodicamente il contenuto. Questo ultimo punto è fondamentale e molto spesso sottovalutato: non basta infatti avere una casella di posta elettronica certificata, si è obbligati per legge a leggere eventuali email in entrata e ad utilizzarla per comunicare con enti pubblici, esattamente come si faceva con le raccomandate con ricevuta di ritorno. Sono quindi esclusi dall’obbligatorietà di possedere una casella di tipo email certificata i privati cittadini, che possono comunque averne una per comunicare in modo sicuro con la pubblica amministrazione.

Esistono caselle PEC gratuite?

Ultimo punto ma non meno importante: esiste un servizio di PEC gratuito? Beh esisteva, ma ora non c’è più. Infatti il governo italiano aveva fatto partire un progetto chiamato PostaCertificat@, in cui veniva permesso di creare una casella email personale certificata e gratuita. Il progetto però è stato chiuso alle fine del 2014 in quanto era stato utilizzato pochissimo, e pubblicizzato anche meno.

Quindi dal 2015 chiunque volesse aprire una casella certificata si deve rivolgere direttamente ad una società privata, quali ad esempio Aruba PEC, Poste Italiane, LegalMail solo per citare le più famose. A seguire è proposta una tabella con le informazioni principali per aprire una casella PEC:

Società e sito Internet: Pro Contro Prezzi a partire da
Aruba: www.pec.it La più usata Nessuno 5€+iva
Poste Italiane: www.postecert.poste.it La più usata Più costosa 25€+iva
Legalmail: www.legalmail.it Società pubblica Registrazione poco intuitiva 5,50€+iva

Come risulta chiaro dalla tabella, il servizio migliore al prezzo più basso per ora lo fornisce Aruba, che a ragione è il servizio maggiormente utilizzato in Italia e che noi ci sentiamo di suggerire.

 

Come aprire una casella PEC?

Il procedimento è abbastanza facile e relativamente veloce, noi prenderemo come esempio Aruba, il servizio meno costoso.

Per aprire una casella PEC con Aruba si deve per prima cosa recarsi sul sito www.pec.it e cliccare ‘scopri’ nella casella ‘posta certificata’. Se non abbiamo particolari esigenze possiamo acquistare il servizio standard, che dura un anno e garantisce una casella email con dimensione 1GB. Il costo è di 5€ annui iva esclusa. Vedi immagine sotto:

pec1

Alla fine della procedura guidata e del pagamento, bisogna inviare una copia della carta d’identità del richiedente e una copia firmata della richiesta di apertura della casella. Il modulo di richiesta arriverà in automatico ad una casella attiva indicata in precedenza dal richiedente.

Nel giro di un paio di giorni avrete la vostra casella PEC perfettamente funzionante, non vi resta che usarla!

Tenete presente che sebbene una PEC possa essere inviata ad una casella di posta ‘normale’ e quindi non certificata, non è assolutamente vero che una normale email debba arrivare ad una casella PEC. Infatti la ricezione di email non certificate è disabilitata di default su Aruba, potrete però riattivare questa funzione nelle impostazioni della vostra casella.

Unica grande raccomandazione: avendo la posta elettronica certificata valore legale, è d’obbligo utilizzare una password molto valida per la casella, oltre che non scriverla su un pezzetto di carta e poi…perderla!

Se volete maggiori informazioni su come creare una password efficace per i vostri servizi online, leggete questo nostro articolo Come creare una password efficace.

PEC3

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 23 marzo 2016

    […] – nella posta, potrebbe leggere tutta la nostra corrispondenza privata, per ricattarci, per spionaggio di tipo lavorativo, o anche semplicemente per farsi gli affari nostri. Per quanto riguarda la PEC, i dati potrebbero essere ancora più sensibili. Leggi il nostro articolo su Come creare una mail PEC. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *